Ciò che il cuore conosce oggi, la testa comprenderà domani.

Seneca

martedì 10 agosto 2010

Lu gelsuminu da za Maruzzedda






Sabato scorso si è svolta la cerimonia di premiazione del “Premio di letteratura e poesia V.Licata”.
La cerimonia si è svolta in un’atmosfera semplice ed elegante.
Di grande valore gli ospiti d’onore a cui è stato assegnato il premio speciale “La magnifica identità siciliana” per aver esportato nel mondo, con il loro lavoro e il loro prestigio le caratteristiche migliori della nostra terra.
Il premio consisteva in una riproduzione in ceramica del Melqart, ed è stato assegnato al tenore Pietro Ballo, al giornalista scrittore Stefano Malatesta ed al puparo regista Mimmo Cuticchio.
Io nella sezione poesia dialettale mi sono classificata al secondo posto con la poesia
“Lu gelsuminu da za Maruzzedda”
Qui vi posto la mia poesia ed alcune foto della cerimonia.
Per approfondimenti vi rimando al sito dell’Altrasciacca,
http://www.laltrasciacca.it/
associazione a cui vanno tutti i miei ringraziamenti per aver creato questo evento che è un verde germoglio culturale in una terra assetata di cultura, ma non arida.
Una terra che ha bisogno solo di più attenzione da parte di chi avrebbe mezzi e strumenti per coltivarla, ma evidentemente poca voglia di farlo.



Lu gelsuminu da za Maruzzedda


Quann’era picciridda iu cantava,
‘nta lu finistruneddu m’affacciava
tra lu basilicò e lu rampicanti
e mi sintìa davveru na cantanti.

Lu pubblicu sicuru ‘un mi mancava,
li vicineddi mi ricìanu: “Brava!”
e io cantava ancora cchiù cuntenti.
Era felici e nun pinzava a nenti.

Me matri mi cusìa li vistineddi.
Me frati disignava machineddi.
Me patri chi m’abbrazza e chi mi vasa
e dici: “Sì la festa di sta casa!”

La strata era un teatro, e tutti quanti
eramu attori e pubblicu paganti.
Acchiana u suli e acchiana lu sipariu…
…e s’illumina tutto lu scenariu.

L’arcu di petra, lu cuttigghiu, u puzzu.
Rintra ‘na iaggia canta n’acidduzzu.
Linzola bianchi stinnuti a lu ventu.
Lu profumu di l’aria ancora sentu.


Cu puliziava avanti a la so porta,
cu vinnìa l’ova ch’avìa ‘nta la sporta.
C’era cu arrinnuvava lu criscenti,
cu chiacchiariava senza fari nenti.

Lu gelsuminu da za Maruzzedda
inchìa di sciàuru tutta la vanedda
e ‘a za Gnazzidda cu li figghi schetti
davanti a porta chi facìa quasetti.

Fimmini schetti ci n’eranu assai,
e li riscussi nun finìanu mai…!
Ognuna si sintìa ch’era ‘a cchiù bedda
e la chiù corteggiata da vanedda.

Quannu passava qualchi giovanottu
nun vi lu ricu soccu succirìa…
“Matri, ma pi cu passa stu picciottu?
Talìava a idda. No….taliava a mia!”

Poi c’era sempri chidda cchiù sparlisa
chi ci liggìa la vita a li passanti…
“Talìa la tizia chi camina tisa,
pari ‘na santa e mmeci avi l’amanti!”

La zà Vitidda, di la porta allatu,
la giacca a la rivessa si mittìa,
Me matri ci ricìa : ” ’un ti n’hai addunatu?”
Idda: “ospiti aspettu”, e poi rirìa.

Li masculiddi iucavanu a mmileca,
li fimmineddi mmeci a mosca ceca,
ma tutti ni ‘ncantavamu a talìari
quannu me patri si mittìa a pittari.

‘Nta lu cuttigghiu lu muru era rittu
e a iddu ci facìa di cavallittu.
Na seggia, li pinzeddi , li culura,
tuttu era prontu già pi la pittura.

Na tila di linzolu ‘nta lu muru
di quannu agghiorna finu a quannu è scuru
e tutta Sciacca, vista di lu mari,
araciu araciu si virìa spuntari.

Sunnu atri tempi, ma di lu passatu
‘nta lu me cori tuttu è disignatu,
e li profumi di l’infanzia mia
li tegnu chiusi rintra na bunnìa.

Ora, ogni tantu, quannu finu finu,
sentu lu sciauru di li gelsuminu,
tuttu ritorna . Provu nostalgia.
Ma è sulu un pezzu di la vita mia!



Grazie ancora

9 commenti:

Barby70 ha detto...

Bravissima,complimenti.... ho provato a leggere la tua poesia e anche se alcuni punti non sono riuscita a capirli, nell'insieme è molto bella! Un bacio forte forte

Alice ha detto...

Antoooooooooo ma non sei in ferie????????????
Bella la tua poesia anche se non ho capito molto :(
perpiacere metti la traduzione per noi "nordiste"
strabacioni

Nonna Papera ha detto...

bellissima e profumatissima di vita , sapori e scorci meravigliosi della nostra amatissima e unica Sicilia !!!
grazie

p.s.
ma quando ci conosceremooooo??

Elisa ha detto...

Brava Antonella!! proprio bellissima la poesia, per me meritava il 1° premio....

antonella ha detto...

Grazie ragazze,
Alice, in tuo onore adesso inserirò anche la traduzione.
Ma è davvero così difficile da capire?

Alice ha detto...

Anto, fai conto che ho Alzi sulle spalle, che riesco a leggerla con un occhio e l'altro che guarda le patch che stò tagliando, fai conto che sono esaurita da circa una media di 14 ore di lab al giorno...

handmadecreativity ha detto...

complimenti antonella... mi ero persa questo post... sei proprio un'artista in tutti i campi (ps: grazie per la traduzione).
ciao taced

Rosa ha detto...

Questa mi piace ancora di più! Mi ha ricordato tante immagini e sensazioni della mia infanzia

Rosa ha detto...

Questa mi piace ancora di più! Mi ha ricordato tante immagini e sensazioni della mia infanzia

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...